About

Enzo Sardo è nato a Racalmuto il 23 giugno 1954, dopo la Maturità Scientifica, conseguita al Liceo Leonardo di Agrigento si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo. Successivamente, ha conseguito il Master post universitario di secondo livello in “Relazioni internazionali e cooperazione nell’area del mediterraneo” conseguito presso LUMSA Università con sede a Roma. E’ stato Sindaco del Comune di Racalmuto dal 10/12/1989 al 15/01/1992 ed  in quel periodo (con l’intero Consiglio comunale) è stata costituita la Fondazione Leonardo Sciascia della quale è stato il primo Presidente. Nella qualità di Sindaco, nel suo mandato, ha organizzato tante attività di carattere culturale tra le quali vanno ricordate l’inaugurazione del disegno più lungo del mondo realizzato dal pittore agrigentino Nicolò D’Alessandro. L’inaugurazione è stata fatta dal Sindaco Enzo Sardo e dall’Onorevole Sergio Mattarella in data 26 ottobre 1991 nell’Auditorium Santa Chiara. Nel 1991 è stato organizzato il convegno dibattito dal titolo “Racalmuto paese della Ragione dallo scontro al confronto” Nel 1993, assieme ad altri amici, ha costituito il Comitato Pro Università, (al quale hanno aderito più di cinquemila cittadini della Provincia di Agrigento), per sensibilizzare il territorio e la classe dirigente, di quel periodo, sulla opportunità di costituire ad Agrigento un polo universitario. Con il Comitato per lo sviluppo e l’attecchimento dell’idea UNIVERSITA’ AD AGRIGENTO sono stati organizzati 14 giornate di studio. Dopo la nascita del Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento per diversi anni (dal 27/11/2004 al 31 01/2008) ne è stato componente. In quel periodo con la guida del Prof. Roberto Lagalla i corsi di Laurea sono passati da quattro a otto, raggiungendo 5.000 iscritti. Ha pubblicato diversi volumi tra i quali ricordiamo: Storia dello Statuto Siciliano (1996); Storia della Fondazione Leonardo Sciascia, un grande sogno (2006), per il quale ha ricevuto il premio “Jalari 2007”; In questo libro viene narrata la storia della nascita della Fondazione. Successivamente da alla stampa il volume Etica del Tributo (ottobre 2007). In data 27 settembre 2008 ha organizzato, nel teatro Regina Margherita di Racalmuto, la presentazione del libro di Carmelo Sciascia Cannizzaro dal titolo “Antonino Saetta, il primo magistrato giudicante assassinato dalla mafia”, con la prefazione del grande statista Giuliano Vassalli. I relatori sono stati  l’Avv. Giovanni Tesè, Don Baldo Reina ed il grande scrittore Melo Freni. Nel dicembre del 2008 ha organizzato nel castello chiaramontano la mostra denominata “Storia e Sacralità del Pane” con l’esposizione: del pane proveniente dai diversi paesi della Sicilia, delle varie qualità del grano esistenti nel territorio regionale e delle composizioni artistiche, di tipo presepe, costruite con il pane. In quella occasione è stato presentato il straordinario libro di Matteo Collura dal titolo “Sicilia Sconosciuta”. Per la casa editrice Salvatore Sciascia Editore ha pubblicato:  Racalmuto, Storia Arte e Cultura nel (2009), per il quale ha ricevuto il premio nazionale I libri dell’anno 2010; l’Europa e Gaetano Martino un lungo cammino verso la pace nel (2010) ed I Cattolici Popolari tra Etica ed Estetica (2011). Questo volume è stato presentato in anteprima alla Fondazione Leonardo Sciascia. In quella occasione i relatori sono stati la Prof.ssa Giovanna Zaffuto, l’Avv. Giovanni Tesè ed il Dott. Salvatore Filippo Vitello (Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme). Successivamente è stato presentato a Roma nella sala della Protomoteca al Campidoglio. Nel gennaio del 2009 ha dato vita ad un movimento socio culturale denominato “Neopositivismo Siciliano” che mira a diffondere i valori della bellezza, della libertà e della solidarietà e  tutte  le preziosità esistenti nel nostro paese e nel territorio della Regione Siciliana. Nel marzo del 2009 insieme ad altri amici e con il consenso di Padre Martorana, arciprete di Racalmuto, costituisce un comitato per una raccolta di fondi per restaurare una vecchia tela raffigurante la Madonna del Lume trovata nei locali della Chiesa Madre di Racalmuto con una cornice dorata del Seicento. Grazie alla generosità di tanti amici racalmutesi ma anche di altri paesi come l’Avv. Tesè di Naro riesce a raccogliere  una congrua somma con la quale, dopo le complesse autorizzazioni di rito, venne effettuato il restauro realizzato dal Prof. Franco Fazzio dell’Università di Palermo. La cerimonia di presentazione della tela restaurata e della sua cornice si è svolta presso la Chiesa Madre di Racalmuto in data 10 dicembre 2010 alla presenza dell’arciprete Diego Martora di don Giuseppe Pontillo, dell’arch. Giovanni Lupo e del Coro Terzo Millennio. In quella occasione la bacheca espositiva è stata donata dalla famiglia Collura. Attualmente la tela è collocata nella navata sinistra dell’altare maggiore della Chiesa Madre. Nei mesi successivi l’Avv. Giovanni Tesè da alla stampa un volume dal titolo La Madre Santissima del Lume, tra fede, storia arte e leggende ed in quel volume un intero capitolo è dedicato alla scoperta ed al restauro della Madonna del Lume. Anche questo volume in data 9 dicembre 2012 è stato presentato nella chiesa Madre di Racalmuto da Enzo Sardo nella qualità di Presidente del Comitato Provinciale pro Università della Provincia di Agrigento. In quella occasione i relatori sono stati il Prof. Nino Agnello e l’On. Margherita La Rocca (Prof.ssa universitaria di Antropologia Culturale) Nell’estate del 2012 durante il commissariamento del comune di Racalmuto, nella Piazza principale del paese alla presenza dell’Avv. Alessandra  Balistreri, del dirigente scolastico Santino Lo Presti, di Don Carmelo Petrone e del Dott. Salvatore Cardinale, Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta ha organizzato la presentazione del libro composto da due relazioni che il Giudice Rosario Livatino aveva elaborato durante la sua breve esistenza dal titolo “Non di pochi, ma di tanti. Riflessioni intorno alla Giustizia” pubblicato da Salvatore Sciascia Editore di Caltanissetta. Il 7 giugno 2013, nel castello chiaramontano, nella qualità di Presidente del Comitato Pro Università della Provincia di Agrigento, ha presentato il libro del noto compaesano il cardiologo Silvano Messina dal titolo L’Ultima Matriarca. Il libro, di stile verghiano (verismo puro) racconta la storia complessa di una famiglia racalmutese. I relatori sono stati il Prof. Enzo Di Natali, il dirigente scolastico Prof. Santino Lo Presti e la dirigente scolastica Prof. Rosa Pia Raimondi. Nell’ottobre del 2013 in occasione del congresso  Provinciale del Movimento Cristiano dei Lavoratori viene eletto, per acclamazione, Presidente. Nel dicembre del 2013 ha pubblicato il volume La Chiesa Madre di Racalmuto, equità e solidarietà. I relatori sono sati l’Avv. Giovanni Tesè, la dirigente Scolastico Anna Maria Sermenghi, Preside del Liceo Classico di Agrigento ed lo scrittore Enzo Di Natali. In quella occasione il Maestro Domenico Mannella e Fabio Petrotto hanno inaugurato l’organo a canne della chiesa. Nel 2016 ha pubblicato, con la casa editrice Salvatore Sciascia, il volume Regalpetra e le sue parrocchie, per il quale ha ricevuto il premio Internazionale Navarro 2017, classificandosi primo nella sezione narrativa. Nel mese di luglio 2017 con la stessa casa editrice ha pubblicato il libro Monsignor Cataldo Naro un apostolo del nostro tempo.